Come scegliere l’ impresa edile adatta ad affidare i lavori  della tua abitazione?

Non sai chi contattare?

Sei nel dubbio e ti stai torturando su quale delle imprese faresti meglio a scegliere?

Qui di seguito ti darò qualche consiglio.

3 PUNTI ESSENZIALI DA TENERE IN CONSIDERAZIONE

1- VALUTARE L’ IMPRESA GUARDANDO IL  SITO WEB

Al giorno d’oggi il sistema di comunicazione più veloce e vasto è internet., bisogna  però seguire delle regole anche in questo. Guardando le varie imprese su internet puoi cercare in base ad un nome di ditta  di cui hai sentito parlare, oppure la ricerca può essere fatta per località (es. impresa Milano). La tua preferenza non deve ricadere sul sito più bello con immagini da copertina(questo vale anche per altri servizi), ma   guardando  le foto  effettive  dei lavori  svolti e lavori in  corso;  questo ti darà  una  prima  idea dei progetti svolti realmente dall’impresa. Assicurati anche di leggere  le altre parti del sito:
-le garanzie che offrono
-la regolarità contributiva(  un documento   rilasciato dall’ Inps che  permette di  dimostrare una regolare contribuzione INAIL, INPS e cassa edile )

Puoi  anche visionare la pagina Facebook, LinkedIn  e i vari altri social.

2- SCEGLIERE LA SOLUZIONE CHIAVI IN MANO

Scegliere  un’impresa  dovo esiste una figura  fissa responsabile che si occuperà  di seguire e coordinare le varie maestranze in cantiere è l’opzione ottimale. Idraulico, elettricista, serramentisti, cartongessisti…. i tempi e materiali,tutto questo gestito da un unico professionista sarà un vantaggio. Pensa di dover trovare tutte queste figure e fornitori, gestire tutto in prima persona non è per forza avere un controllo perfetto e risparmio garantito, di tempo soprattutto.

3- CONFRONTARE I PREVENTIVI

Una volta tra le mani i preventivi come confrontarli? Consiglio di non basarsi  solo sul prezzo più basso per effettuare la  scelta, qualità e costo troppo  basso non  vanno! Alcuni  nostri  clienti hanno  testimoniato l’ insoddisfazione  dell’impresa che  aveva fatto un  prezzo da “discount” e le conseguenze  sono  state  molto negative… impresa  svanita nel  nulla,  non  in  grado di  svolgere  il  lavoro,  male organizzata, con materiale scadente. Risultato…. non  un risparmio ma un uscita maggiore a volte anche per vie legali.

Per confrontare in  modo corretto i preventivi occorre per prima cosa avere un  computo metrico cioè un documento che  ha misure  stabilite. Il preventivo è il calcolo dei costi previsti  per un  lavoro, un elenco  di voci che  giustificano un prezzo totale  ,queste voci devono  essere presenti  in  modo uguale nei vari preventivi.

Un cliente  voleva  scegliere un impresa con un prezzo finale molto più basso, ma guardando attentamente nel preventivo mancavano voci di opere da effettuare, anche questo punto è vitale. Per avere un quadro completo e corretto  non fate fare mille preventivi, uno solo non permette di fare paragoni, due sono limitati, tre/quattro preventivi sono adeguati.

Questi sono tre semplici consigli ricavati dalla nostra esperienza, spero vi possano aiutare!

Buona ristrutturazione : ))

Call Now Button